Peter Machajdík è cresciuto a Bratislava, ma ha vissuto a Germania e Austria negli ultimi 25 anni. Iniziò lo studio della musica a sei anni e a sette lo studio del pianoforte. Nel 1980 non è stato accettato all’Accademia Musicale di Bratislava perché il suo concetto di musica, in quel momento, era stato fortemente influenzato dal avant-garde occidentali e considerato troppo alternativo per la scuola.

A 27 anni, Machajdík si è laureato presso l’Università di Economia di Bratislava. Il suo primo riconoscimento internazionale come compositore è arrivato con il suo lavoro multimediale Intimate Music con David Moss a Inventionen 1994 a Berlino. La sua prolifica produzione da allora è stata eseguita e trasmessa in tutto il mondo e la sua produzione musicale non si è rivolta solo alla musica per concerti, ma anche quella per il teatro, il cinema, la danza moderna e le arti visive.

Machajdík ha ricevuto numerose commissioni e riconoscimenti tra cui: Fondazione Kulturfonds, Fondazione Russolo-Pratella, Fondo Musicale Slovacco, Radio della Repubblica Ceca, Germania Accordion Society e da Bratislava Music Festival. Nel 1992 è stato invitato a vivere e lavorare a Berlino come ospite del prestigioso DAAD Künstlerprogramm. Machajdík è stato anche il compositore in residence presso Schloss Wiepersdorf in Germania, a Künstlerhäuser Worpswede in Germania, a Künstlerhaus Lukas in Ahrenshoop sulla costa tedesca del Mar Baltico, e presso Künstlerhaus Judenburg in Austria. Nel 2006 ha ricevuto il Jan Levoslav Bella Prize, il premio più significativo per la musica in Slovacchia.

Machajdik sceglie spesso a comporre le sue opere in luoghi solitari. Le sue composizioni attingere a diverse fonti di ispirazione, soprattutto dalla polifonia e armonie modali della musica antica. Negli ultimi anni le opere Machajdík sono state caratterizzate da entrambe le economia di materiale e rigore di metodo, dimostrando così che quello che può essere semplice linguaggio musicale può tuttavia essere potenti. Anche elementi quali l’uso controllato della dissonanza, sonorità sostenuto, poco appariscente movimento melodico e l’uso frequente di tonalità minori si applicano allo stile compositivo Machajdík’s. La maggior parte delle sue composizioni hanno un carattere meditativo.

Bratislava-born Peter Machajdík is a composer of a wide range of chamber, orchestral, electronic and multimedia works. His music has been performed in various venues across Europe, America, and Asia, and has been featured in festivals such as Inventionen in Berlin, New Work in Calgary, Early Music Festival in Boston, LakeComo Festival, Nuovi Spazi Musicali in Rome, Young Euro Classic in Berlin, Hörgänge at the Konzerthaus in Vienna, Audio Art Festival in Cracow, Sound City Days, Melos-Ethos Festival, and the Bratislava Music Festival. He has worked with orchestras and ensembles such as the Janáček Philharmonic Orchestra, the I.J.Paderewski State Philharmonic Orchestra, Berg Orchestra, the Slovak Chamber Orchestra, the Slovak Radio Symphony Orchestra, Camerata Europea, the Lugansk Symphony Orchestra, Quasars Ensemble, Mucha Quartet, Ensemble Ricercata, Arte Quartett, and soloists such as harpists Floraleda Sacchi and Klára Bábel, clarinetist Guido Arbonelli, organists Carson Cooman and David di Fiore, cellists John Alex Heley, Piero Salvatori and Jozef Lupták, harpsichordist Elina Mustonen, and accordionist Boris Lenko to name just a few. He has also worked with David Moss, Nicolas Collins, Malcolm Goldstein, Dietmar Diesner, and the rock singer Jon Anderson. He has composed scores for feature films and documentaries, theatre and radio plays. Current projects include commissions from the Sacred Music Festival, Ensemble Metamorphosis, violin virtuoso Milan Paľa, as well as a commission to create a sound-based artwork for the Belianska Cave in the High Tatra mountains. Once one of the central figures in the avant-garde and contemporary music scene in former Czechoslovakia for over 25 years, Peter Machajdík has been awarded a 1992 DAAD artist residency in Berlin, a 2011 International Visegrad Fund individual artist grant, and the Ján Levoslav Bella Composition Prize. His œuvre, often hailed as soothing, has a human, moral and ethical dimension, rejecting and condemming xenophobia, racism and extremism. 

View Work

Borderline

View Work

Deserted Tracks